BLACK PANTHER. . .e non solo

Rieccomi amici lettori del mio Blog, si avete perfettamente ragione, sono un po’ latitante.

E’ che ho sempre un sacco di cose da fare, la promozione del mio nuovo libro mi riempie le giornate, cercare contatti, proporre lo spettacolo della presentazione e sopratutto vendere. . .  anzi . . . ricordo che VOLEVO FARE IL CANTAUTORE INDIE si compra tranquillamente con un click su ibs.it e Amazon. . .  ( piccola parentesi ).

E poi la radio che dopo l’esperienza fantastica a Sanremo mi ha preso tempo con il lavoro di editing di tutto il materiale registrato in Liguria.

La conseguenza di tutto questo, oltre allo scrivere poco qui, è che non sto guardando più nessun film, sto seguendo una serie TV soltanto ( x-files ) e il libro che ho iniziato a leggere  prima di Natale è ancora lì che va a rilento sul comodino. . . . del resto mica posso fare tutto. . . un giorno dura soltanto 24 ore.

Domenica sera però avevo il turno al cinema, ho proiettato BLACK PANTHER, l’ultimo della Marvel. Personaggio che devo essere onesto non sapevo neanche esistesse, mai incrociato ne nei cartoni animati, ne nei fumetti, che però ho letto veramente pochissimo nella mia vita.

Su questo film ho veramente poco da dire, un film che io non andrei mai a guardare, ma essendo di turno ho visto scoprendo che in realtà si è rivelato un po’ meglio degli altri Marvel spaccatutto con la festa degli effetti speciali e la voglia di un mondo che non c’è fatto di supereroi.

Qui si narrano le vicende del Re del Wakanda, uno stato del terzo mondo africano che in realtà è il più sviluppato e all’avanguardia della terra, grazie alla presenza del vibranio, un materiale alieno che ha una potenzialità elevatissima. Ma tutto questo viene tenuto nascosto al mondo intero. Chiaramente c’è il cattivo che invece lo sa e vuole rubare il vibranio, ma viene ucciso dal cattivo più cattivo del cattivo, che è il cugino del Re che invece vuole dominare il mondo intero usando il vibranio, anzi più che dominare il mondo intero vorrebbe una rivolta del popolo africano violenta e dominante sulla razza bianca.

Da un certo punto di vista si potrebbe fare anche una bella riflessione sull’Africa, sulla condizione del popolo di colore sparso qua e la nel mondo, ma gli elefanti meccanici, le braccia proiettile e le pantere volanti un po’ mi han tolto il sentimento di essere di fronte ad un film impegnato.

Piacevole e consigliato a chi vuole passare due ore senza pensieri coinvolto in una azione dopo l’altra con una trama che non sfocia mai nel banale.

Era da tempo che cercavo il pretesto e l’articolo giusto per infilarci anche la menzione di ZOO, serie TV andata a dicembre su Rai 4 e vista dal sottoscritto su RaiPlay. Mi son fermato alla prima stagione, perchè i primi episodi promettevano veramente bene e poi è stato un crescendo di delusione e noia.

Non è che può piacermi tutto del resto.

In questa serie TV, inizialmente ambientata in Africa, gli animali, infetti da una tossina si ribellano all’uomo, uccidendo e seminando il panico in tutto il mondo. Viene allestita una squadra di esperti per studiare questo comportamento anomalo. . ..  ma quando mi sono fermato io con la visione non si erano ancora trovate risposte.. .  solo intrighi politici che non mancano mai.

Spero che nei prossimi giorni riuscirò a riprendere un buon ritmo con i film e con la lettura, e di conseguenza anche con la mia presenza qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...